Usiamo i cookie per offrire un'esperienza affidabile e personalizzata sul sito di ENAIP Veneto. Visitandolo, accetti il nostro uso dei cookie.

Anche Superquark parla degli ITS

mkt1 17 1200x300

 

Martedì 27 agosto è andata in onda l’ultima puntata di Superquark per la stagione 2019, cogliamo l’occasione di segnalare l’intervento sull’importanza degli ITS:

Cosa sono? Che ruolo hanno nel sistema dell’educazione? Possono ridurre lo scollamento tra scuola e mercato del lavoro?


“Si chiama scollamento, mancato incontro fra la preparazione offerta dal sistema scolastico e quella richiesta dal mondo produttivo.
Come il successo degli Istituti Tecnici Superiori indichi una via per ridurlo.”


Trovare lavoro oggi non è facile. Lo sanno bene coloro che rispondono agli annunci o partecipano a mega concorsi dove la probabilità di farcela è bassissima.
Eppure spesso si legge che molte aziende non trovano il personale adeguato per le loro produzioni. Mancano delle scuole che, una volta finito il liceo o la scuola media superiore, preparino per le specializzazioni tipiche dell’industria italiana come l’alimentazione, la meccanica, l’abbigliamento e non solo, ma anche la meccatronica e la robotica, al servizio dell’industria avanzata, tenendo sempre conto delle realtà territoriali.

Quali sono i risultati per l’occupazione comparati alla situazione generale? Come funziona il sistema?

Si chiama scollamento, il mancato incontro fra la preparazione offerta dal sistema scolastico e quella richiesta dal mondo produttivo. In Italia la disoccupazione attualmente è all’11% e quella giovanile è oltre il 30%. Le aziende non riescono a trovare le figure professionali necessarie. Come ridurre questo scollamento?

Le idee non mancano e una delle più interessanti compie 10 anni in questi giorni.

Si chiamano ITS, Istituti Tecnici Superiori: l’equivalente del primo biennio universitario dopo la maturità o il diploma.
In Italia dal 2009 a oggi sono sorti più di 100 ITS e sono più di 10mila gli studenti che ogni anno ne seguono i corsi. Il programma in questo intervento ha visitato un ITS per ambito.

Prima Tappa, Piemonte: ITS Agroalimentare

Gli studenti seguono i corsi sulle tecniche della trasformazione alimentare, dal funzionamento dei macchinari alla loro manutenzione, alle misure di sicurezza per garantire l’assoluta sanità del cibo, alle strategie per valorizzare i prodotti dell’agricoltura locale o raffinare la propria capacità nel distinguere e giudicare i vari ingredienti delle lavorazioni, attraverso test e laboratori pratici.

Entro un anno dal diploma ITS, quanti studenti trovano lavoro?

Fabrizio Berta, Presidente Fondazione ITS Agroalimentare del Piemonte, afferma che nei primi 3 anni di attività dell’Istituto si sono diplomati 120 studenti e il tasso occupazionale a distanza da un anno è stato di più dell’80%.

Il segreto per ridurre lo scollamento tra la scuola e il mondo del lavoro, è presto detto: coinvolgere le aziende del territorio nello svolgimento dei corsi.
Il mondo aziendale interviene così nei percorsi ITS dalla fase di progettazione, passando alla fase di erogazione con una presenza in aula di oltre il 90% dei docenti, provenienti dal settore di riferimento, fino alla vera fase di alternanza scuola-lavoro che si conclude con la fase di stage.

Seconda Tappa, Lombardia: ITS Mobilità sostenibile

L’offerta di questo ITS comprende corsi di formazione per meccanici aeronautici e esperti di logistica.
Anche qui troviamo il modello di riferimento che caratterizza l’esperienza ITS: lo stretto legame fra le aziende che operano nel territorio con i corsi di formazione. Accanto alla formazione dei meccanici aeronautici ci sono corsi che preparano i tecnici esperti nel montaggio degli elicotteri, un mezzo aereo di cui l’Italia è uno dei leader mondiali della produzione.

Angelo Candiani, Presidente Fondazione ITS Lombarda Mobilità: da un anno dal diploma trova occupazione il 96% degli allievi. Una percentuale importante tenendo anche conto del successo formativo: oltre il 95% dei ragazzi che si iscrivono terminano il percorso.

Terza Tappa, Umbria: ITS Meccatronica

Le competenze insegnate sono sulla meccatronica, cioè su tutte le conoscenze di quelle tecnologie che vanno dai sistemi robotici più avanzati, agli scanner per la prototipazione, agli apparati per gli strumenti di resistenza della qualità e sicurezza dei prodotti, a complesse architetture che nei laboratori, in scala ridotta, simulano la gestione di magazzini automatizzati. Accanto alla pratica si trova la parte teorica: progettazione con programmi dedicati alla meccatronica.

Oltre alla focalizzazione sui bisogni delle imprese, c’è un aspetto importante da non sottovalutare: la flessibilità didattica.
Il sistema ITS per sua natura riesce a recepire in maniera agile e veloce, tutte le tendenze culturali, professionali, tecnologiche, presenti sia a livello di mercato, sia a livello di studi universitari di ricerca avanzata, e a tradurle con altrettanta agilità operativa in corsi didattici formativi.

Anche presso questo ITS i risultati occupazionali sono ottimi: per i corsi di meccatronica e delle aree digitali si arriva al 100%.

Ultima Tappa, Toscana: ITS Moda

I corsi di questo ITS attraversano la lavorazione di abbigliamento e accessori. Le materie vanno dalla progettazione al computer, al disegno dei modelli, alla sartoria con tutte le sue fasi di scelta dei tessuti, taglio, cucitura e rifinitura. Anche nella pelletteria gli studenti fanno conoscenza con l’infinita gamma di materiali, tecniche e macchine usate per confezionare gli accessori più famosi del Made in Italy. I ragazzi sono seguiti da docenti specializzati che insegnano loro esattamente quello che avviene durante il ciclo di produzione all’interno delle aziende.

L’esperienza ITS, dopo 10 anni, è una piccola nicchia, di successo, ma risulta ancora un piccolo segmento nel sistema educativo.
Rimane un ultimo interrogativo: visti gli ottimi risultati nel ridurre lo scollamento scuola-lavoro, è possibile riprodurre questa esperienza su scala molto più ampia?

 

ENAIP Veneto è fondatore e sostenitore dei seguenti ITS presenti in Veneto:

- Fondazione ITS per il Turismo;

- Fondazione ITS per l'Agroalimentare e Vitivinicolo;

- Fondazione ITS per il Risparmio Energetico e la Bioedilizia;

- Fondazione ITS per il Settore Meccatronico.

 

Consulta il link per saperne di più: https://www.enaip.veneto.it/index.php/fondazione-its

ARCHIVIO