Usiamo i cookie per offrire un'esperienza affidabile e personalizzata sul sito di ENAIP Veneto. Visitandolo, accetti il nostro uso dei cookie.

Sensibilizziamoci tutti quanti

 

12985434 10209309864133747 4784270039818770855 n

L'altro giorno scorrevo su Facebook le persone che mi avevano chiesto l'amicizia ma che io non avevo mai accettato, forse per pigrizia o forse perché queste persone non le conoscevo..

Tra tutte quante però ce n’era una in particolare.

Era un ragazzo.. e quando ho visto il nome mi si è gelato il sangue per un instante..

Questo ragazzo solo qualche giorno prima era morto.. morto perché una malattia l'ha portato via con sé.. chissà dove.. Non era un ragazzo speciale... come lui tanti altri ne muoiono ogni giorno.. lui però lo conoscevo.. o meglio no, non sapevo chi era, cosa amava fare, cosa invece odiava o anche semplicemente quanto fosse alto, sapevo solo che frequentava la mia stessa scuola... o meglio avrebbe dovuto frequentarla...

Infatti data la malattia aveva fatto solo un anno lì... e poi non era più potuto venire... L'avevo visto una, forse due volte, e quindi no non lo conoscevo... sapevo solo il nome e quanti anni aveva... un solo anno in più di me... uno solo...

Ma forse questo non è così importante, poteva averne avuti anche mille in più di me e avrebbe potuto frequentare altre mille scuole diverse dalla mia... ma quel ragazzo... era una persona... come me, come tutti quanti... a tutti gli effetti lo era... eppure ora non c'è più... Non avete idea di quante volte io mi sia sentito male, abbia pensato ad andarmene, a fare qualche pazzia, chissà per chi è chissà per cosa... a quante volte abbia pianto e a quante volte mi sia sentito un nulla... quasi come se non esistessi... eppure solo ora mi rendo conto che tutto questo non è nulla... certo ho imparato già da tempo che “c'è sempre chi sta peggio”, ma in questo caso... dopo questo caso, dopo la morte di questo ragazzo... mi sento solo uno stupido... uno sciocco che si è perso in mille problemi che rispetto ad una malattia come questa... sono veramente troppo e facilmente trascurabili... Certo... ognuno di noi nel suo piccolo ha i suoi piccoli o grandi problemi... ma forse davanti a tutto questo, non dovremmo fermarci tutti quanti? Non dovremmo pensare tutti quanti a quanto siamo fortunati... e a quanto siamo egoisti, nel non godersi le cose che qualcun altro non ha.... mi metto in mezzo anche io perché so bene di sbagliare molte volte... però bisogna riflettere... e pensare...

Io insieme a qualcun altro d'accordo con la scuola abbiamo donato dei soldi ad un’associazione contro i tumori anche in memoria di Luca... il ragazzo in questione... ma quello che voglio dire è che non importa se vogliate donare o no, ma almeno che si rifletta su questo, non solo perché sperando di no ognuno di noi potrebbe essere nella stessa situazione, e avere bisogno di un aiuto ma anche perché non ci rendiamo conto di quanto siamo fortunati a volte... chissene dei like, chissene dei vestiti di marca, chissene della ragazza che magari non ci dà le giuste attenzioni... pensate a Luca, che non ha potuto nemmeno pensare a tutto questo... è stato travolto all'improvviso e non ha potuto fare nulla per salvarsi... Sensibilizziamoci tutti quanti.

Donate, e se non volete farlo almeno riflettete, che quello non vi costa nulla.

Luca, mi auguro che ora le tue sofferenze siano finite, non doveva andare così, ma la vita è come una bambina in un prato pieno di fiori... raccoglie solo quelli più belli...

 

Alberto Cecchetti, 2° operatore elettronico

Corsi in partenza - Treviso

Non ci sono eventi per i prossimi giorni

ARCHIVIO