banner lingue francia

lemigliori600Meccatronica e vini pregiati, farmaceutica e naturalmente moda, alta ingegneria e costumi da bagno: i piccoli (ma grandi ) campioni del sistema manifatturiero italiano che non hanno mai smesso di correre, e promettono di continuare a farlo.

Valgono il 2% del Prodotto interno lordo. E sfidano la nuova crisi a colpi di innovazione, investimenti, export.

Corrono non hanno mai smesso di farlo, neppure durante la Grande Crisi, e non hanno intenzione di fermarsi adesso.

Continueranno a crescere, dicono, a dispetto dei venti contrari che sono tornati a soffiare, più o meno forti più o meno ovunque.

L'ottimismo possono permetterselo: lo consentono gli ordini che hanno già in casa e i contratti che stanno per firmare. Il che non significa che anche il 2019, alla fine, "sarà un anno bellissimo" per l'economia nazionale. È esattamente il contrario, corrono e correranno i 600 campioni della nostra imprenditoria, perchè producono in Italia, all' Italia danno lavoro, dell'Italia rappresentano il meglio. Poi però è sui mercati globali che si svolgono gli affari, da li hanno imparato i segreti proprio in mezzo alla Grande Crisi.

Hanno scelto nicchie superspecializzate, hanno investito per possedere e dunque poter offrire il meglio del binomio tecnologia - qualità, si sono organizzati in modo da essere ultraflessibili.

Se lavorano nell'automotive tutto ciò non sarà sufficiente a respingere le ondate che hanno già iniziato a investire il comparto, in Europa soprattutto: diciamo che punteranno a limitare l'impatto, mentre a loro volta si preparano alla "rivoluzione elettrica" continuando a investire. In tutti gli altri settori, che parliamo di meccatronica, moda o vini pregiati i Champions selezionati vedono nel loro 2019 altro sviluppo.

Come si diventa Champions?

Occore superare asticelle molto alte, per essere ammessi. Una crescita media annua del 7% un Ebitda medio pari al 10% e un rapporto di indebitamento non superiore all'80%.