banner lingue francia

I grandi cambiamenti in atto nascono da un passaggio fondamentale che sta avvenendo a cavallo del XX e XXV secolo: quello relativo ai sistemi di scambio e comunicazione.

azienda

Stiamo infatti assistendo al passaggio dai sistemi centralizzati a quelli distribuiti, in cui le informazioni non dipendono più da enti, imprese, organizzazioni, ma da una rete ubiqua du emittenti e ricettori. 

Inizialmente i "nodi della rete" erano persone, connesse. Oggi i nodi sono persone, macchine, oggetti ed entità autonome virtuali e fisiche, che stanno popolando  la nuova era dell'Internet of Actions, evoluzione dell'Internet of Things: gli oggetti interconnessi si stanno trasformando in oggetti intelligenti, in grado di rilevare e analizzare informazioni in tempo reale e di agire in base a decisioni autonome.

In questo contesto rivoluzionario, come sta evolvendo il concetto di fiducia per le imprese? come possono evolvere i contratti sociali e le garanzie basate sulle istituzioni centralizzate?

Le imprese e le istituzioni di oggi si trovano a dover affrontare una transizione fondamentale, in cui le convinzioni radicate devono essere sostituite dalla volontà di comprendere ciò che sta cambiando.

IA e blockchain nascono per dare supporto a questi cambiamenti epocali, fornendo dati, analisi, soluzioni concrete a problemi che, in assenza di un piano di azione, diventeranno irrisolvibili.

L'accesso all'IA per un'impresa rappresenta già oggi un valore competitivo assoluto. Parallelamente, la blockchain fornisce un sistema decentralizzato per gestire l'enorme mole di dati che popola la rete ed è la base di una rete distribuita di transazioni autonome, necessaria per garantire la trasparenza dei dati e per sostituire le vecchie fonti di validazione.

In altri termini un nuovo sistema di trust basato su una rete di validazione ubiqua e autonoms, potenzialmente incorruttibile.

Non si può più rimandare un serio esame di questi temi e di come andranno a rispalmare i nostri attuali modelli di business.

 

a cura di Mattia Crespi - Research associate Institute for the Future e fondatore di Qbit Technologies- Affari e Finanza