Usiamo i cookie per offrire un'esperienza affidabile e personalizzata sul sito di ENAIP Veneto. Visitandolo, accetti il nostro uso dei cookie.

 

 

   

 

   

 

 

 

POR FSE Sequenza per beneficiari RGB

 

TECNICO DEL RESTAURO DI BENI CULTURALI - 1°, 2° E 3° ANNO

Attestato di Qualifica Professionale
BENI CULTURALI
SFP Piazzola sul Brenta
bec50-17-1200x300
Data: Ottobre 2018 - Dicembre 2018

Luogo: Centro Servizi Formativi di Piazzola sul Brenta  |  Città: Piazzola sul Brenta, Italia

ISCRIVITI QUI!

DESTINATARI
Disoccupati o inoccupati in possesso di Diploma di Scuola Secondaria di Secondo Grado

DURATA
2.700 ore in 3 anni (900 ore all'anno)

FREQUENZA E ORARIO
Frequenza obbligatoria
Lezioni da lunedì a venerdì nella fascia oraria: 9 – 13 e 14 – 18.

COSTO
Il corso è gratuito

SELEZIONE

I posti disponibili sono 20.

Le selezioni consisterà in:

• una prova di conoscenza del glossario dei termini artistici e della storia dell'arte italiana (dal '200 al '700)
• un colloquio per valutare motivazione e propensione personale alla figura professionale del "Tecnico del restauro" 

Al momento della selezione il candidato deve perfezionare l'iscrizione consegnando alla Segreteria i seguenti documenti:

  • curriculum vitae
  • copia della carta d'identità
  • copia del codice fiscale;
  • copia del diploma di scuola superiore secondaria di II grado
  • n° 1 foto tessera

 

ISCRIVITI QUI!

 

TITOLO RILASCIATO
Qualifica Professionale della REGIONE VENETO

FIGURA PROFESSIONALE

Il "Tecnico del restauro di beni culturali" è una figura professionale che collabora con il restauratore, eseguendo con autonomia decisionale strettamente afferente alle proprie competenze tecniche, determinate azioni dirette ed indirette per limitare i processi di degrado dei beni ed assicurarne la conservazione, operazioni di cui garantisce la corretta esecuzione secondo le indicazioni metodologiche ed operative, sotto la direzione ed il controllo diretto del restauratore (D.M. Beni e attività culturali 26 maggio 2009, n. 86, art.2)
Il titolo ha validità nel territorio nazionale e nei Paesi dell'Unione Europea.

METODO DIDATTICO e AZIONI FORMATIVE

EnAIP Veneto applica una pluralità di metodi di apprendimento, funzionali al raggiungimento degli obiettivi formativi. Si privilegia il metodo che ponga l'allievo nella condizione di apprendere la complessità del sapere tecnico specifico con capacità di osservazione critica verso metodi e soluzioni di intervento che pongono al centro il bene da salvaguardare o da recuperare. Particolare attenzione è rivolta all'acquisizione del bagaglio terminologico che permetta di dialogare con le altre figure professionali presenti nell'ambito professionale. Tenendo conto delle esigenze sopraesposte sarà necessario programmare un intervento formativo che sappia armonizzare contenuti, metodologia e ritmi d'apprendimento. Il programma didattico deve tener conto della complessità e varietà delle operazioni volte a recuperare il bene artistico-culturale e che richiederà un'organizzazione formativa attenta e accurata (aule e laboratori, coordinamento dell'attività di cantiere, ruolo del tutor).

Le fasi formative si sviluppano secondo la seguente articolazione:

  • selezione e avvio
  • formazione tecnica e teorica
  • verifica in itinere
  • cantiere e/o di laboratorio
  • stage in azienda (cantiere e laboratorio)
  • affinamento della formazione teorica e pratica per la verifica finale.

COMPETENZE ACQUISITE NEL TRIENNIO

  • Esaminare direttamente in laboratorio e in cantiere le problematiche fondamentali del restauro dei dipinti (affreschi e dipinti su tela) e dei manufatti lignei.
  • Effettuare l'intervento di diagnostica di un manufatto con metodiche ed apparecchiature adeguate, individuando i materiali costitutivi, le cause di degrado, gli elementi materici e iconologici al fine di collocarlo nel suo contesto storico-artistico.
  • Eseguire il rilievo grafico e fotografico di un manufatto artistico.
  • Pianificare l'intervento, in accordo con il responsabile del progetto di restauro, definendone metodologia, risorse e tempistiche.
  • Eseguire l'intervento di restauro, in relazione agli obiettivi definiti con il responsabile del progetto, salvaguardando riconoscibilità, "reversibilità", compatibilità, minimo intervento.
  • Redigere le relazioni degli interventi ed archiviare la relativa documentazione.
  • Riconoscere il significato e il valore della collaborazione.
  • Riconoscere nel luogo di lavoro, l'applicazione delle norme generali relative alla sicurezza e prevenzione dell'ambiente e della salute previste dal TU 81/2008.
  • Comprendere le caratteristiche dell'ambiente formativo e professionale di inserimento e sviluppare un percorso di scelta relativa al proprio futuro.

Referenti:
Tiziana Cosma (direzione)

 

 

Telefono
049 5590046
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Luogo
Via Vittorio Emanuele II
Italia

 

Google Maps


 

Altre date


  • Da Ottobre 2018 a Dicembre 2018

ARCHIVIO