Usiamo i cookie per offrire un'esperienza affidabile e personalizzata sul sito di ENAIP Veneto. Visitandolo, accetti il nostro uso dei cookie.

Periodo di gite per i ragazzi del Centro di Longarone.

I ragazzi della classe IV del tecnico riparatore dei veicoli a motore sono stati in visita alla Texa Spa , azienda di Monastier di Treviso leader mondiali nella progettazione, industrializzazione e costruzione di strumenti diagnostici multimarca, accompagnati dalla tutor area giovani Silvia, dai docenti, Simone e Enrico e dall'"artigiano in classe" Davide Lusa.

 Longarone 1Longarone 2

 

Oggi 20 marzo 2018 la Polizia Ferroviaria ha incontrato i ragazzi delle prime classi dell'Enaip di Longarone: molti i video presentati dagli Assistenti Capo Donatella Fantini e Sanpietro Andrea. Molte le domende e le curiosità dei ragazzi presenti. Questo progetto di sensibilizzazione al corretto utilizzo dei mezzi pubblici e al corretto comportamento. 

 

I futuri panificatori/pasticceri del corso triennale Agroalimentare con alternanza scuola/lavoro dell'Enaip Longarone visitano un'azienda di eccellenza del territorio: la ditta Grandiforni Bellunesi. Dopo la visita guidata dal titolare, Gianluigi Balbinot, i ragazzi partecipano alla realizzazione dei prodotti da forno.

 

I Meccatronici di Confartigianato Belluno docenti al corso Enaip di Longarone per operatori della riparazione veicoli.

L’esperimento interessa in particolare gli allievi del quarto anno della sede di Longarone.

COMUNICATO STAMPA CONFARTIGIANATO BELLUNO E ENAIP VENETO

L’accordo è stato siglato in questi giorni tra un gruppo di aziende del comparto, guidate dal presidente provinciale di Mestiere, Manrico Venturin e dal direttore progetti speciali di ENAIP Veneto, Roberta Callegaro.gd3 4524 copia
Il tutto è frutto di un bisogno reciproco: da un lato trovare manodopera giovane preparata da inserire nelle aziende artigiane, dall’altro rinsaldare i legami con gli operatori del territorio.
"Da anni le aziende della Meccatronica - spiega il presidente provinciale di Mestiere, Manrico Venturin - stanno denunciando la mancanza di una scuola professionale in grado di sfornare giovani tecnici dell’autoriparazione con competenze concorrenti con l’evoluzione del mercato dell’auto.
I veicoli oggi sono tutti gestiti o dotati di sofisticati sistemi elettronici e anche la formazione professionale va aggiornata. L’incontro con ENAIP Longarone rientra in quest’ottica. Entrando nelle scuole - aggiunge Venturin - per noi diventa possibile portare ‘il lavoro vero’ quello che quotidianamente svolgiamo nelle nostre aziende, direttamente collegati ai circuiti delle case automobilistiche o della Motorizzazione civile o ai vari portali”.
Il nuovo progetto di collaborazione dunque apre le porte delle aziende ai giovani, che così potranno acquisire una preparazione a misura di mercato del lavoro, ma anche con la possibilità di esperienze dirette con metodo dell’alternanza rafforzata scuola-lavoro prevista dal Sistema Duale o in stage curricolare.
La soddisfazione del presidente Venturin è anche legata al gruppo di artigiani che hanno aderito al progetto, autoriparatori e carrozzieri di grande esperienza, molto motivati e determinati a trasferire il loro know how alle giovani generazioni.
“Con la specializzazione del quarto anno di meccatronica - precisa Roberta Callegaro di ENAIP Veneto - intendiamo qualificare al meglio i nostri studenti, fornendo loro quella preparazione che le aziende chiedono da tempo, vale a dire competenze tecniche accompagnate da capacità organizzative e conoscenze informatiche e digitali. Il contributo diretto degli imprenditori del settore fornirà proprio quelle competenze tecniche aggiornate che non sempre la formazione scolastica è in grado di reperire”.

Venerdì 26 gennaio 2018 le 4 classi prime, per un totale di 65 ragazzi, incontrano la Dolomiti Bus, azienda di trasporto pubblico della provincia di Belluno. enaip orizzontale sfondo trasparente xxs

Due le parole al centro del primo incontro: Dolomiti, richiama il territorio nel quale opera, con riferimento alla storia, alla geografia e alla cultura del Bellunese, e Bus richiama la parola latina "omnibus" ossia "per tutti". Si rimanca così ai ragazzi che il mezzo che utilizzano turri i giorni per recarsi a scuola è un bene della collettività, quindi anche loro, che deve essere pertanto rispettato. Il rispetto è sia per i mezzi, non rovinarli o ramperli, non scrivere sulle pareti, ma sopratutto rispetto per le persone che usufruiscono di tali mezzi.

Nel secondo incontro i ragazzi visiteranno la sede dell'azienda di trasporto a Belluno.

Pagina 1 di 2